venerdì 29 marzo 2019

IL RITORNO DEI SOPRAVVISSUTI! Il fumetto diventa una nuova serie per il quotidiano il manifesto!

Ciao amici!
Sono lieto di annunciare che "I Sopravvissuti", la mia serie a fumetti, da oggi ritorna in tutte le edicole a prezzi popolarissimi!
Uscirà TUTTI I VENERDI (salvo catastrofi ambientali, ma mai dire mai) sul quotidiano il manifesto. 
Saranno storie nuove di zecca, scritte e disegnate in questi giorni, e riprenderanno le vicende dei personaggi dopo la loro uscita dalla rivista linus. 
Le storie si svilupperanno come i vecchi fumetti dei quotidiani: ogni settimana Omino & Tacchino e la Famiglia Varnelli (e new entries) se la vedranno con paginoni enormi pieni di vignette.


Dal  sito degli amici di Eris Edizioni: "Una notizia fantastica! I Sopravvissuti di Hurricane Ivan hanno ritrovato una casa: dal 29 marzo ritorneranno ogni venerdì sulle pagine di il manifesto.
È un fatto straordinario perché sarà l’unico fumetto a puntate (non una vignetta, un’intera pagina) che un quotidiano nazionale ospiterà come appuntamento settimanale.
I Sopravvissuti non potevano trovare una casa migliore per raccontare il logorio dell’Italia di oggi.
Evviva Hurricane e la sagacia della redazione di il manifesto!"


Qui sotto la puntata zero, uscita ieri
Oggi, 29 marzo 2019...LA PUNTATA 1!
Qui invece gli annunci di Fumettologica e LoSpazioBianco.




giovedì 28 marzo 2019

ČAPEK! Rivista di amenità e vita campestre.


Amici, sono lieto di annunciare la venuta di ČAPEK : una nuova rivista di amenità e vita campestre diretta dal sottoscritto con Marcello Baraghini, Nicola Feninno, Tommy Gun e mille altri collaboratori incredibili.
Si tratta di una co-edizione tra le realtà indipendenti Puck! , CTRL Magazine, Uomininudichecorrono, AFA (Autoproduzioni Fichissime Andergraund) e Strade Bianche

LA VERSIONE PDF DEL NUMERO è SCARICABILE GRATIS DAL SITO DI STRADE BIANCHE LIBRI: 

QUI , invece una recensione di Ivan Cenzi, per il sito Bizzarro Bazar!

ČAPEK #1 - solstizio d'inverno

Direttore irresponsabile: Hurricane
Editore all'incontrario: Marcello Baraghini
Caporedattori kamikaze: Nicola Feninno e Tommy Gun
Provvidenza grafica: Francesca Kanzi
Redazione Yurta: Marie Cècile, Sdolz, Jazz Manciola, Marco Falatti, Rebecca Barbuscia, Simone Barbonetti, Federico Cacciapaglia, Giacomo Rastabbello, Claudio Scaia, Hurricane, Marcello Baraghini, Tommy Gun, Francesca Kanzi, Nicola Feninno. Ritrattista di corte: Cavallo Pazzo

Ecco il sommario del numero 1


- Il Movimento degli Anatomizzatori , di Ivan Cenzi (Bizzarro Bazar)
- Stricnica Club: intervista a Daisuke Ichiba, di Oral Giacomini (traduzione di Juan Scassa)
- Cinema, recensioni di Paolo Merenguetti
- Salute e Benessere, di Marco Falatti
- Frutta, verdura e letteratura, di Marcello Baraghini
- I Fantastici Quattro, di King Pritt e Officina Infernale (testi di Davide Aprea)
- Taser (come ho imparato ad amare e non preoccuparmi della pistola elettrica) di Prof. Venanzio
- Barricata di Nebbia, di Centro Studi Canaja
- SPECIALE: CHI HA UCCISO GIGANTESCHIO? 
di Marco Filicio, Maicol & Mirco, Johnny Grieco, Marie Cècile, Gnomo Speleologo, Lise & Talami, Taddei & Angelini, Tommy Gun, Enrico Macchiavello, Cammello, Sdolz
- Economia, dello Svizzero
- Antologia del buon umore, di Davide Caviglia
.- Cucina Maivista, di Vincenzo Sparagna e Maila Navarra
- Abuela, di Desperfecto,
- SPECIALE: SCRIVO UN TESTO DA UN CORPO UMANO (testi di Supercomputer Carmel - disegni di Progetto Stigma: Akab, Marco Corona, Cosimo Miorelli, Alberto Ponticelli, Darkam, Squaz, Marco Galli, Luca Negri, Jacopo Starace, Spugna.
- 12 ore, di Samantha Woods (illustrazioni di Madest)
- Chiudere i Porti, di Jazz Manciola
- Potato Design, di Bicio Fabbri
- I poveri si sparano allo specchio, racconto di Pino Tripodi (illustrazioni di Ettore Tripodi)
- Piani editoriali dal futuro, di Vincino
- L'incredibile Veronda, a cura de L'Ombroso
- Odio i Nazisti dell'Illinois, di Federico Zenoni
- Il Volo, di Mattia Costa
- Morire di disegno, di Francesca Ghermandi
- Cronache ante post-industriali, di Max Capa
- Topolino fa 90, fumetti inediti dei leggendari Air Pirates (Gary Hallgen, Ted Richards e Dan O'Neill di nuovo assieme)
- Diario di un ergastolano, di Carmelo Musumeci
- ArtObliqua - Gabor Krauss obliquista, di Sergio Ponchione
- L'Avventura, di Ivan Carozzi (illustrazione di Marcos Carrasquer)
- Moda #Nuove Tendenze, di Elena Rapa
- INSERTO: Doner Youth di Doner Club (Dario Sostegni, Roberta Scomparsa, Federica Bellomi, Maria Melotti, Davide Minciarovi)
- Human Reportage, di Hurricane & Bruno Nadalin
- L'uomo con il buco in testa, di Dirk Vershure
- Dick Tracey detective gender fluid, di Bambi Kramer, Valerio Bindi, Elias Tano e Martin Lopez Lam
- Chi l'ha visto? (una indagine su Stephen Kether, alias Stefano Caratene) di Michele Mordente
- Disegna come Mike Diana, di Mike Diana
- Future Porn, di Giorgio Franzaroli, Giuliano Rossetti, Dario Arcidiacono e Dorian X
- La Pagina Sportiva, di Jose Altafini e Fabio Tonetto
- SPECIALE: I PUFFI NERI di Maurizio Ercole, David Bacter, Laca, David Genchi, Jazz Manciola, Sdolz, Francesco Cornacchia, Federico Cacciapaglia, Marie Cècile, Simone Barbonetti, Tommy Gun, Hurricane, Peyo
- Le ricette di Padre Dast, di Dast
- Come organizzare una seduta spiritica in 10 semplici mosse, di Enrico Baraldi mentalista
- Il genio di Damocle, di Aldo Monticelli (illustrazione di Lorenzo Mò)
- La discarica abusiva, di Adriano Carnevali
- RisPosta in uscita, di Giuditta Grechi e Arabella Fossati
- Posta, di Vittore Baroni
- Meteo Psichedelico, di Enzo Jannuzzi e Matteo Guarnaccia
- Sponsor distopico, di Stefano Zattera
-Consigli per gli acquisti, di Pagliare hhhhpostjing Memes sublimes?
- Necrologi, di Rocco Lombardi & Simone Lucciola
- Viaggi da non fare, di Federico Cacciapaglia
- Trova la pompa, di Simone Chiolerio & Giacomo Rastabbello
- L'ultimissimahaha, di Marco Tonus
- La vita interiore è una vita di merda?, di Nic Alessandrini

Il numero verrà il 30 marzo 2019 in anteprima assoluta al festival Bricòla a Milano. 

Dal sito di Bricòla: Definita “una rivista destrutturata di amenità e vita campestre”, Čapek è la nuova super autoproduzione diretta da Ivan Hurricane Manuppelli con la benedizione di Marcello Baraghini (co-editore con la sua etichetta Strade Bianche e precedentemente editore di Stampa Alternativa). Come caporedattori, due rappresentanti delle realtà più interessanti dell’editoria indipendente attuale: il fumettista Tommy Gun Moretti (del collettivo Uomini Nudi che Corrono e tra gli organizzatori del festival di fumetto e illustrazione Ratatà) e il giornalista Nicola Feninno (direttore di CTRL magazine).
Erede di The Artist e di PUCK! – le precedenti riviste dirette da Ivan che furono punto di riferimento per l’underground a fumetti tra 2001 e 2014 – Čapek è una “associazione a delinquere” tra storiche realtà dell’autoproduzione: Strade Bianche, Puck!, Uomini Nudi che CorronoCTRL magazine e il festival AFA Autoproduzioni Fichissime Anderground.
A Bricòla Čapek verrà presentata ufficialmente da Ivan Hurricane ManuppelliJazz Manciola e Giacomo Rastabello, con la straordinaria partecipazione di alcuni dei tantissimi autori ospitati sulle pagine del primo numero della rivista: AkaB (per Progetto Stigma)Adriano Carnevali ed Enzo Jannuzzi. In occasione del festival sarà possibile acquistare anche le prime, imperdibili copie di Čapek.

Marcello Baraghini (dalla sua pagina fecebook): "La rivista più folle del mondo, libera, provocante, giocosa, coinvolgente e che, roba mai vista prima, nemmeno su Marte, il prezzo lo fa il lettore. Nient'affatto patinata, cartonata, lucidata, profumata e costosa, bensì povera di orpelli per giustificare la rapita del prezzo ma esplosiva di contenuti che son bastati il nero e il rosso. È rivoluzione editoriale e culturale, per amore del lettore, fuori dal mercato."

Dalla prima presentazione di Capek a Bricòla - seconda fila, da sx: Scampolo d'Assenza, Simone Barbonetti, Adriano Carnevali, Hurricane, Enzo Jannuzzi, Matteo Guarnaccia, Nicola Feninno - primo piano: Aldo Monticelli, Rastabbello, la Kanzi, Madest, Jazz Manciola
QUI IL VIDEO: https://www.facebook.com/BricolaFestival/videos/606329116460866/

Akab interviene alla prima conferenza di Capek, parlando del suo contributo alla causa con Supercomputer Carmel e gli autori di Progetto Stigma. 


sabato 27 ottobre 2018

I SOPRAVVISSUTI a Volume!



Oggi, 27 ottobre 2018
ORE 17
Presentazione ufficiale de 
"I SOPRAVVISSUTI"
con

(in Santeria!)
Via Paladini 8...Milano!
(un grazie enorme a Marco Monaci!)



venerdì 14 settembre 2018

I SOPRAVVISSUTI! IL LIBRO!


E' uscito! In tutte le librerie! 
I SOPRAVVISSUTI!
Eris Edizioni
112 pagine  -19 spicci
Prefazione di Daniele Luttazzi
Per ordinarlo click QUI !
QUI la recensione di Art Tribune

Dalla presentazione di Eris Edizioni:
Usciti a puntate su Linus, I Sopravvissuti diventano un libro con storie e materiali inediti.
Hurricane non crea solo dei personaggi ma un intero mondo, perfetta fotografia del nostro, solo più sincero e smaliziato. I protagonisti di queste storie tentano disperatamente di sopravvivere in un mondo di totale crisi economica come Omino e Tacchino, coinquilini, che vivono nell’eterna ricerca di un reddito, Varnelli che si autoseppellisce per fingersi morto e non dover pagare più niente. La penna di Hurricane crea il loro perfetto habitat: la casa dei conquilini con la stanza del “muro del pianto”, il discount dove i prodotti sono addestrati a urlare se dei clienti “poveracci” si avvicinano a loro, il cinema con i biglietti ridotti per chi vede solo la pubblicità, e la campagna “Fatti cucinare dalle mense dello Stato” per soddisfare il bisogno proteico del paese e cancellare letteralmente la disoccupazione: chi denuncia un disoccupato ha diritto a un buono pasto omaggio.
Hurricane è l’unico grande erede della satira e della Golden Age del fumetto italiano da Il Male a Frigidaire, nelle sue tavole c’è tutto quello che stiamo vivendo: il suo lavoro, divertente e spietato, trova finalmente nella forma libro lo spazio di cui ha bisogno.


Per ordinarlo:
 https://www.erisedizioni.org/prodotto/i-sopravvissuti-hurricane-ivan/







mercoledì 12 settembre 2018

Corso di Fumetto per Stomaci Forti! 5a Edizione


BASTA ANSIA DELLA PAGINA BIANCA! Disegnare non è solo questione di vocazione o tecnica, ma una delle forme più immediate e istintive di comunicazione. Il “Corso di Fumetto per Stomaci Forti” è un corso aperto a tutti: studenti, lavoratori, precari, giovani e meno giovani… da chi non ha mai preso una matita fino a chi vuole provare esperienze grafiche e narrative più estreme.
per ogni informazione: 

Sono previsti incontri settimanali della durata di 2 ore. 

Si affronteranno diversi temi: Il corso BASE prevede come inventare un personaggio, come inventare una storia, la distorsione dell’anatomia e della prospettiva, il “cadavere squisito” surrealista (la tecnica di racconto a più mani), la sintesi grafica, la satira politica e sociale, la parodia. Oltre alla pratica, sono previste brevi parentesi sui principali autori che hanno stravolto le tecniche di narrazione e disegno: il gruppo di MAD Magazine, Stefano Tamburini e Cannibale, Vincino, Robert Crumb e Zap Comix, Max Capa e la rivista Puzz, Le Dernier Cri solo per citarne alcuni.

AGGIORNAMENTO! NUOVA EDIZIONE KAMIKAZE per chi ha già frequentato le edizioni scorse!



giovedì 23 agosto 2018

Ciao Vincino


Ieri alla radio dicevano che con Vincino se ne va via un pezzo del '900, io invece credo che abbiamo appena perso un pezzo di futuro.

Scrivere di lui in questo momento mi fa molto strano, è una di quelle cose per cui ora lo sentirei e gli chiederei un parere.
Cercherò, ma temo senza riuscirci, di essere breve e conciso come sarebbe piaciuto a lui.

Vincino l'ho conosciuto otto anni anni fa, coinvolgendolo nel primo dei nostri tantissimi progetti economicamente fallimentari a cui ha sempre partecipato con l'entusiasmo di un bambino. "Ma puck, la minchia, ce l'ha ancora sì o no!?", giuro che sono state queste le sue prime parole che ho sentito al telefono.
Poi mi ha chiamato alla nuova edizione del Male, assieme a tanti altri giovanissimi a cui ha dato una fiducia gigante, che pochi sanno dare in questo mestiere. E da lì è nato tutto.

Conoscerlo è stata una esperienza spiazzante, psichedelica e bellissima. Nelle sue parole, nei suoi disegni, nei suoi progetti di rivista assurdi (ogni volta che lo incontrarvi aveva un progetto di rivista assurdo diverso), nelle sue email sgrammaticate delle 4 del mattino, nella sua capacità di coinvolgerti e nella sua generosità senza pari, ci trovavi tutto il senso e la poesia di questo lavoro stupendo che poi lui chiamava sempre "gioco".

Non uscivi mai indenne da un incontro con Vincino, ti spiazzava ogni volta. E questo perché, appunto, secondo me stava sempre con un piede nel futuro.

La cosa che mi spiazzava di più era vederlo disegnare. Come cazzo facesse a stare in quella posizione lo sa solo lui: immaginatevi questo essere altissimo, quasi 2 metri di uomo, tutto curvo e dinoccolato come il Pippo sballato di Andrea Pazienza, che prendeva dal taschino uno dei suoi mille trattopen dalla punta sminchiata e si gettava letteralmente con la testa nel foglio, a un millimetro di distanza dal disegno.
Una cosa fisicamente impossibile per ogni altro essere umano di questa epoca e di quelle passate.

Un'altra cosa che mi sconvolgeva era il suo curriculum schizofrenico e situazionista. La capacità di muoversi in qualunque tipo di ambiente culturale, in cui comunque ne usciva sempre a suo agio e sempre fuori posto, che fosse Il Male, Il Foglio, Frigidaire, la rivista cattolica Tempi, il Leoncavallo, le trasmissioni di Santoro, Stampa Alternativa, Vanity Fair, il partito Radicale, le fanzine più sconosciute o il Corriere della Sera. Sinceramente, non so quali altri disegnatori potrebbero vantare la stessa libertà di testa e di segno, molti ne uscirebbero distrutti al primo cambio.

Ogni tanto mi parlava della libertà che aveva al Foglio, ma io cercavo sempre di sviare perchè la faccenda della proprietà di quel giornale mi imbarazzava. Ma mi rendo conto, come me ne rendevo conto allora, che tra i due l'anziano bigotto e dogmatico ero io. Lui quello giovane e libertario.
La cosa che mi ha insegnato, ma ci sono arrivato tardi e non ho mai avuto modo di dirglielo, è che c'è una linea di fondo molto più profonda a unire le persone e quei mondi diametralmente opposti che lui frequentava. Solo poche persone sono davvero inconciliabili: i libertari e gli sbirri, i sognatori e i burocrati, gli svegli e gli scemi,i disegnatori bravi e quelli scarsi.
Il resto è solo un inutile autoconvincersi.

Vincino è riuscito a spiazzarmi anche due settimane fa, quando sono andato a trovarlo a Roma, per il nostro ultimo incontro in questa dimensione.
Immaginatevi la consapevolezza di andare a trovare un amico per l'ultima volta, una roba di una tristezza e desolazione assicurata. Ma poi Caterina, la figlia più giovane, mi prende in disparte e mi chiede se per caso avessi visto i muri dell'ascensore dell'ospedale. Vincino, per il gusto impagabile di prendersi gioco delle vecchiette che ci salivano, li aveva imbrattati disegnandoci sopra un enorme cazzo a matita. Firmato Vauro, tra l'altro.
E quando la vecchietta si scandalizzava lui, col suo tipico colpo di genio, faceva finta di indignarsi a sua volta e le diceva "Ma che vergogna signora mia, ma dove andremo a finire"

Capite, che tipo abbiamo perso?
un abbraccio a tutti. ivan

ps Quella che vedete è la copertina della rivista che Vincino dirigerà nel maggio 2050, un giornale di satira europeo dal titolo ancora incomprensibile. Al momento non ci è ancora dato sapere da dove e come la dirigerà, ma confido nella teoria del multiverso e dei viaggi spaziotemporali.

https://www.facebook.com/hurricaneivan/photos/a.747180418682788/1922620427805442/?type=3&theater

lunedì 25 settembre 2017

Corso di Fumetto per Stomaci Forti! 4a Edizione



BASTA ANSIA DELLA PAGINA BIANCA!
 Disegnare non è solo questione di vocazione o tecnica, ma una delle forme più immediate e istintive di comunicazione. Il “Corso di Fumetto per Stomaci Forti” è un corso aperto a tutti: studenti, lavoratori, precari, giovani e meno giovani… da chi non ha mai preso una matita fino a chi vuole provare esperienze grafiche e narrative più estreme.

per ogni informazione: stomaciforti@gmail.com 
https://www.facebook.com/hurricaneivan
www.hurricaneivan.net

Sono previsti incontri settimanali della durata di 2 ore. 

Si affronteranno diversi temi: Il corso BASE prevede come inventare un personaggio, come inventare una storia, la distorsione dell’anatomia e della prospettiva, il “cadavere squisito” surrealista (la tecnica di racconto a più mani), la sintesi grafica, la satira politica e sociale, la parodia. Oltre alla pratica, sono previste brevi parentesi sui principali autori che hanno stravolto le tecniche di narrazione e disegno: il gruppo di MAD Magazine, Stefano Tamburini e Cannibale, Vincino, Robert Crumb e Zap Comix, Max Capa e la rivista Puzz, Le Dernier Cri solo per citarne alcuni.

AGGIORNAMENTO! NUOVA EDIZIONE KAMIKAZE per chi ha già frequentato le edizioni scorse! 

 

martedì 21 febbraio 2017

Becksman Blues Band: Jazzmine!

 

BECKSMAN BLUES BAND!
live @ Ostello Bello

Voci e cappelli: Blues "Becksman"
Chitarra: Om Sharan Salafia
Basso e armonica: Hurricane
Batteria: Alberto Luongo


martedì 14 febbraio 2017

La mia copertina per linus!



 Eccola qui. Con grande ritardo, ma anche grande commozione, posto qui la mia copertina per il numero di febbraio di linus... da questa settimana in tutte le edicole!

venerdì 27 gennaio 2017

Corso di Fumetto per Stomaci Forti!


Ricomincia!
Corso di Fumetto per Stomaci Forti!
 Laboratorio psicoattivo per aspiranti disegnatori, scrittori, rivoluzionari e falsi profeti! 
III edizione! A Milano!
Per iscrizioni, informazioni su luoghi e orari:
stomaciforti@gmail.com 
 
Basta ansia della pagina bianca! Disegnare non è solo una questione di vocazione o di tecnica, ma una delle forme più immediate e istintive di comunicazione. Il “Corso di Fumetto per Stomaci Forti!” è un corso aperto a tutti, dal completo neofita che non ha mai preso in mano una matita fino a tutti quelli che  vogliono provare esperienze grafiche e narrative più estreme.
Sono previsti incontri settimanali della durata di 2 ore. 

Si affronteranno diversi temi: come inventare un personaggio, come inventare una storia, la distorsione dell’anatomia e della prospettiva, il “cadavere squisito” surrealista (la tecnica di racconto a più mani), la sintesi grafica, la satira politica e sociale, la parodia. Oltre alla pratica, sono previste brevi parentesi sui principali autori che hanno stravolto le tecniche di narrazione e disegno: il gruppo di MAD Magazine, Stefano Tamburini e Cannibale, Vincino, Robert Crumb e Zap Comix, Max Capa e la rivista Puzz, Le Dernier Cri solo per citarne alcuni.