venerdì 22 febbraio 2008

SILLY WILLY

Questo è per tenervi buoni nei giorni di pioggia.
Ritagliare sui contorni e montare le giunture con delle punte di metallo.
A presto, companeros!

9 commenti:

Alby ha detto...

Slaimer dopo che ha ingurgitato due chili di Peperoncino di Soverato...

Goffredo Swineheard ha detto...

Ciao HurricaneIvan. Ti comunico la mia prossima partenza. Domani infatti spiegherò le vele (in senso metaforico) e mi dirigerò a Est. All'altezza di Bratislava mi ricongiungerò con MacJohnson di ritorno dal Pakistan dove si era recato per visitare sua zia. Poi insieme ci incammineremo verso la Siberia. L'obiettivo è guadare senza l'ausilio di barche o zattere lo stretto di Bering...Per un po' avrò, credo, difficoltà di connessione, e i miei aggiornamenti defluiranno plagmaticamente. Conto comunque di aggiornarti non appena mi sarà possibile. Tu stammi bene. Farewell HurricaneIvan

Maurizio Ercole ha detto...

Bellissimo!!!

ivan manuppelli ha detto...

grazie, Maurizio...graz.

okay, Goffredo! Era ora che MacJohnson rivedesse sua zia...stava sbranando tutti gli abitanti del Pakistan per l'attesa!!!

fidel ruiz castro ha detto...

Nel momento in cui centinaia d’intellettuali provenienti da tutti i continenti s’incontrano all’Avana per partecipare ad una Conferenza Internazionale sull’Equilibrio del Mondo, nei giorni vicini alla data di nascita di José Martí, quel giorno, stranamente per caso, ha parlato il Presidente degli Stati Uniti. Al suo ultimo discorso al Congresso sullo Stato dell’Unione, utilizzando il teleprompter, Bush ci dice di più con le sue espressioni extra verbali che con le parole elaborate dai suoi consiglieri.
Se ai tre discorsi che ho menzionato nelle parole dirette ai delegati all’Incontro del 29 gennaio 2003, aggiungiamo quello pronunciato da lui ieri 28, tradotto allo spagnolo dalla CNN – accompagnato di sopracigli tirati su e gesti particolari-, registrato e trascritto immediatamente da personale qualificato, quest’ultimo è il peggio di tutti a causa della demagogia, le menzogne e la totale assenza d’etica. Parlo delle parole che forze lui ha aggiunto, dell’accento col quale l’ha fatto e che personalmente ho osservato, che è il materiale con il quale ho lavorato.
"Gli Stati Uniti conducono una lotta contro la povertà mondiale con solidi programmi educativi e di assistenza umanitaria…. Questo programma rinforza la democrazia, la trasparenza e l’impero della legge nei Paesi in sviluppo, e chiedo ai membri di questo Congresso di finanziare pienamente questo importante programma."
"Gli Stati Uniti sono all’avanguardia della lotta contro la fame nel mondo. Oggi più della metà dell’assistenza alimentare del mondo proviene dagli Stati Uniti . Questa sera chiedo al Congresso di appoggiare una proposta nuova per prestare assistenza alimentare acquistando i prodotti direttamente agli agricoltori del mondo in sviluppo in modo da sviluppare la loro agricoltura locale e rompere la gran fame"
All’inizio di questo paragrafo fa riferimento ai vecchi impegni contratti in altri tempi dagli Stati Uniti con la FAO e gli organismi internazionali, una goccia d’acqua di fronte alle angosciose necessità attuali dell’umanità.
"Gli Stati Uniti conducono la lotta contro le malattie. Con il loro aiuto, lavoriamo per ridurre di metà il numero di morti a causa della malaria in 15 nazioni africane, e il nostro programma contro l’AIDS permette di trattare 1 milione 400 mila persone. Possiamo assistere ancora molti di più. Vi chiedo di approvare 30 miliardi in più nei prossimi 5 anni…"
"Gli Stati Uniti sono una forza di speranza nel mondo, perché siamo un popolo pietoso…."
"Negli ultimi 7 anni abbiamo incrementato i fondi destinati ai veterani in più del 95%.. anche per coprire i bisogni di una nuova guerra… per migliorare il sistema d’assistenza ai nostri combattenti feriti…."
"Vi chiedo di accompagnarmi nella creazione di nuovi impieghi per le spose e gli sposi dei nostri militari…."
"Avendo fiducia al popolo, successive generazioni hanno trasformato la nostra fragile e giovane democrazia nella nazione più potente della Terra… La nostra libertà sarà sicura e lo stato della nostra nazione rimarrà solido."
Tutto questo l’afferma tranquillamente, ma dall’inizio del suo discorso, dove elude tutti i problemi spinosi, va provvedendo di fondamenta, pietra su pietra, le basi di questa ipotetica libertà e prosperità, senza riferirsi minimamente ai militari nordamericani morti o mutilati a causa della guerra.
Aveva cominciato il discorso segnalando che "la maggior parte degli statunitensi pensa che le imposte sono ormai molto alte…" Minaccia il Congresso: "Sapete che se qualche progetto di legge riferito ad un aumento delle imposte dovesse arrivare sulla mia scrivania, lo vieterò."
"La settimana prossima vi sarà inviato un preventivo che elimina o riduce notevolmente 151 programmi dilapidatori oppure gonfiati, il cui ammontare è di oltre 18 miliardi. Il preventivo che presenterò manterrà gli Stati Uniti sulla strada di un eccedente nel 2012."
Oppure ha sbagliato cifra, oppure la raccolta di 18 miliardi non significa nulla nel preventivo pari a 2,8 milioni di milioni
Il più importante è quello di distinguere tra il deficit e il preventivo dello Stato, che ammonta a 163 miliardi, ed il deficit del conto corrente del bilancio di pagamenti, che ha dato un totale di 811 miliardi nel 2006, ed il debito pubblico si stima in 9,1 milioni di milioni. Le spese militari ammontano ad oltre 60% del totale investito nel mondo a questo titolo. L’oncia troy d’oro ha raggiunto oggi, 29, il primato di 933 dollari. Il disordine è risultato dall’emissione di dollari senza alcun limite in un Paese la cui popolazione spende più di quello che risparmia ed in un mondo dove la capacità d’acquisto della moneta degli Stati Uniti si è vista ridotta in modo straordinario.
La ricetta che è solito applicare il suo governo, è quella di esprimere fiducia e sicurezza nell’economia, abbassare le tasse d’interesse bancario, iniettare più banconote nella circolazione, approfondire il problema e dilatare le conseguenze.
Cosa significa in questo momento il prezzo dello zucchero che oggi si trovava a 12,27 centesimi di dollaro la libbra? Oggi decine di Paesi poveri sono consacrate alla sua produzione ed esportazione. Ne parlo soltanto per illustrare come Bush, deliberatamente, imbroglia e miscela tutto.
Il Presidente degli Stati Uniti continua così la sua passeggiata olimpionica sui problemi di un pianeta ai suoi piedi
"Voglio che vengano approvate riforme per i programmi Fanie Mae e Freddie Mac, rinnovare la Direzione Federale dell’Abitazione e permettere ai proprietari di finanziare di nuovo le loro ipoteche tramite buoni esenti di imposte…"
"Abbiamo un obiettivo comune: che l’assistenza medica sia più accessibile a tutti gli statunitensi. Per questo,dobbiamo aumentare le opzioni dei consumatori, non il controllo del governo…"
"Dobbiamo avere fiducia che gli studenti impareranno se viene data a loro l’occasione, e se i loro genitori hanno più di potere per esigere più risultati alle nostre scuole…
"Gli studenti afro-statunitensi e ispani sono riusciti ad ottenere voti massimi… Adesso dobbiamo lavorare insieme perché ci sia più flessibilità nei confronti degli stati e distretti e per ridurre il numero di studenti che abbandonano la scuola prima di finire la scuola media…
"Grazie alle borse di studio che avete approvato, più di 2.600 dei bambini più poveri della capitale hanno trovato una nuova speranza in una scuola religiosa o privata d’altro tipo. Purtroppo, queste scuole stanno scomparendo ad un ritmo preoccupante in molti dei quartieri urbani poveri degli Stati Uniti. Perciò,vi chiedo il vostro appoggio per un nuovo programma di 300 milioni di dollari…
"Dipendiamo sempre di più della capacità di vendere prodotti, raccolte e servizi a tutto il mondo. Quindi,vogliamo terminare con le barriere al commercio ed all’investimento. Vogliamo una Ronda di Doha che abbia del successo, e vogliamo arrivare ad un accordo questo anno.
"Voglio ringraziare il Congresso per avere approvato l’accordo col Perù. Ed adesso vi chiedo di approvare gli accordi con Colombia, Panama e Corea del Sud.
"Molti prodotti dei suddetti Paesi entrano qui senza pagare tasse; tuttavia, molti dei nostri prodotti devono pagare alte tasse sui loro mercati. Dobbiamo pareggiare la situazione. Questo ci permetterebbe d’accedere a più di 100 milioni di clienti e sosterrebbe buoni lavori per i migliori lavoratori del mondo: coloro i cui prodotti siano fatti negli Stati Uniti.
"La nostra sicurezza, la nostra prosperità, il nostro ambiente, hanno bisogno della riduzione della nostra dipendenza dal petrolio. Cerchiamo l’energia a partire del carbone…
"Andiamo a creare un fondo internazionale di tecnologia pulita per ridurre e forze cambiare l’emissione di gas ad effetto serra.
"Per continuare ad essere competitivo nel futuro dobbiamo avere fiducia nei nostri scienziati e tecnici e dobbiamo dargli più potere perché possano fare delle scoperte nel futuro. Vi chiedo l’appoggio federale… perché gli Stati Uniti possano continuare ad essere la nazione più dinamica del pianeta."
Ogni volta fa appello allo sciovinismo, prosegue il suo volo immaginario verso altri temi:
"Oggi nella costa del Golfo vogliamo rendere omaggio alla resistenza degli abitanti di questa regione; vogliamo che possano ricostruirla in un miglior modo, più forte che prima. E sono contento di annunciare che il Vertice nordamericano degli Stati Uniti, Messico e Canada si terrà alla gran città di Nuova Orleans
"Altra sfida importante è l’immigrazione. Gli Stati Uniti hanno bisogno di rendere sicure le loro frontiere e, con il vostro aiuto, il mio governo sta prendendo le misure per farlo, incrementando il controllo dei posti di lavoro, collocando barriere e nuove tecnologie per impedire i passaggi illegali…Quest’anno pensiamo di raddoppiare il numero di agenti della Pattuglia di Frontiera." Si tratta di una delle fonti d’impiego ben rimunerato che cerca Bush.
Non desidera ricordare che al Messico gli è stato strappato più del 50% del suo territorio in una guerra di conquista, e pretende che nessuno ricordi che al muro di Berlino, per circa 30 anni, sono morti meno persone trattando di entrare al "mondo libero" che i latinoamericani che stanno morendo già – non meno di 500 ogni anno- cercando di traversare la frontiera in cerca di lavoro, senza Legge di Aggiustamento che privilegi e incoraggi loro, come fanno con i cittadini di Cuba. La cifra d’immigranti illegali arrestati e ritornati traumaticamente ogni anno ammonta a centinaia di migliaia.
Immediatamente, il discorso salta all’Oriente Medio, da dove è appena ritornato dopo un veni, vidi, vici diplomatico
Dopo avere menzionato il Libano, Iraq, Afghanistan e Pakistan, afferma: La sicurezza degli Stati Uniti e la pace del mondo dipendono dalla diffusione, dalla nostra parte, della speranza di libertà al mondo. En Afghanistan, gli Stati Uniti, i nostri alleati della NATO e 15 Paesi associati, stanno aiutando al popolo afgano a difendere la sua libertà ed a ricostruire il loro Paese."
Non menziona assolutamente che la stessa cosa ha voluto farla l’URSS, nell’occupare il Paese con le sue potenti Forze Armate, che finissero sconfitte nel scontrarsi con abitudini, religione e cultura diverse, indipendentemente che i sovietici non ci sono andati per conquistare materie prime per il grande capitale, e che un’organizzazione socialista che non ha mai fatto alcun danno agli Stati Uniti cercò di cambiare in modo rivoluzionario il corso della nazione
Immediatamente, Bush salta ad Iraq, che non ha avuto niente a che vedere con gli attentati dell’11 settembre 2001, e che fu invaso perché così l’ha deciso Bush come Presidente degli Stati Uniti ed i suoi collaboratori più vicini, senza che nessuno al mondo abbia dubbi sul fatto che l’obiettivo era quello di occupare i suoi giacimenti di petrolio, ciò che ha costato al suddetto popolo centinaia di migliaia di morti e milioni di persone spiazzate dalle loro case, oppure che sono state costrette ad emigrare
Il popolo d’Iraq ha capito subito che qualcosa di drammatico stava succedendo. Coloro che temevano che gli Stati Uniti stavano preparandosi per abbandonare loro hanno visto come decine di migliaia di soldati arrivavano al Paese, hanno visto le nostre forze rendersi nei quartieri, cacciare via i terroristi e rimanere sul posto per essere sicuri che il nemico non ritornasse… I nostri soldati e civili in Iraq fanno il loro lavoro con coraggio e distinzione, e hanno la gratitudine di tutto il Paese…
"Nell’ultimo anno abbiamo catturato oppure ammazzato migliaia di estremisti in Iraq; i nostri nemici sono stati duramente colpiti, ma non sono stati sconfitti. E possiamo aspettare ancora delle lotte più difficili.
"Per l’anno prossimo l’obiettivo è quello di mantenere e di costruire a partire di quanto ottenuto nel 200 e passare alla seguente fase della nostra strategia. Le troppe statunitensi passano da capi di operazioni ad associate delle forze irachene ed eventualmente possono avere una missione di supervisione…
"Questo significa che oltre 20 mila dei nostri soldati stanno rientrando.
"Qualunque riduzione futura nelle troppe si baserà sulle condizioni in Iraq e le raccomandazioni dei nostri comandanti.
"Il progresso nelle province deve essere equilibrato col progresso a Bagdad
"Manca ancora molto, ma dopo decade di dettatura e dolore di violenze settarie, la riconciliazione si sta radicando, e gli iracheni assumono già il controllo del loro futuro.
"La missione in Iraq è stata difficile, ma il nostro successo è un interesse vitale degli Stati Uniti
"Inoltre dobbiamo fare fronte alle forze estremiste nella Terra Santa… I palestinesi hanno eletto un Presidente che riconosce che farle fronte al terrorismo è essenziale per arrivare ad uno Stato dove il popolo possa vivere con dignità e in pace con Israel."
Bush non dice una sola parola sui milioni di palestinesi privati oppure cacciati dalle loro terre, sottomessi ad un sistema di apartheid.
La formula di Bush è conosciuta: 50 milioni di dollari in arme per gli arabi, provenienti dal complesso militaro-industriale, e 60 miliardi per Israel in dieci anni. Si tratta di dollari che mantengano un valore reale. Qualcuno paga: centinaia di milioni di lavoratori producendo con le loro mani merci buon mercato e salari minimi, ed altre centinaia di milioni di persone sotto alimentate
Ma il discorso non finisce qui: "Iran fornisce fondi ed addestramento ai gruppi miliziani in Iraq, appoggiando ai terroristi di Hezbollah al Libano e sostenendo gli sforzi di Hamas per rovinare la pace nella Terra Santa. Anche Teheran sta sviluppando missili balistici di portata sempre maggiore e continua a sviluppare la sua capacità per arricchire l’uranio, il ché potrebbe servire per creare un arma nucleare.
"Il nostro messaggio ai leader dell’Iran è chiaro: sospendete in modo verificabile l’arricchimento nucleare per potere negoziare
"Gli Stati Uniti faranno fronte a coloro che minacceranno le nostre troppe. Saremo accanto ai nostri alleati e difenderemo i nostri interessi vitali al Golfo."
Questo non fa riferimento al Golfo del Messico ma al Golfo Persiano in acque distante solo 12 miglia dall’Iran
C’è un fatto storico; in epoca dello scià, l’Iran era la potenza armata meglio della regione. Dopo il trionfo della Rivoluzione nel suddetto Paese, condotta dall’imam Khomeini, gli Stati Uniti hanno incoraggiato ed appoggiato l’Iraq per invaderlo. Da questo nacque un conflitto che costò centinaia di migliaia di milioni e numerosi morti e mutilati, e che oggi si giustifica come qualcosa propria della guerra fredda.
Infatti, non c’è bisogno che altri organi di diffusione informino sul discorso del Presidente degli Stati Uniti; bisogna lasciare che lo stesso Bush parli. Per un popolo che sa leggere,scrivere e che pensa, nessuno può fare una critica più eloquente dell’impero che lo steso Bush. A titolo di Paese alluso, rispondo
Ho lavorato duro
Mi auguro di avere scritto con fredda imparzialità

luigi quatordicesimo ha detto...

AMMAZZA quanto scrivi!pari il professor Goffredo!

Anonimo ha detto...

_G E O R G E M A R Y che scrive_

allora:
fidel ruiz castro, che palle!
nel 2008 non si ha più il tempo di "pipponispaziotemporali"... per dinci, il dono della sintesi ti manca totalmente!
sarebbe più interessante leggere idee condesate, che a mio avviso [come il famoso latte condensato Nestlè (evviva il global)] sarebbero ottime.

detto ciò, fai come ti pare!
mica devi per forza ascoltarmi, forse!

Hurricane:
ci vediamo in tribunale.
avevo ritagliato le parti di silly willy e mia nonna le ha mangiate, quasi soffocando.
e tu, maledizione, non hai scritto l'età di utilizzo del malvagio prodotto!
avrai notizie dal mio avvocato, o avocado o avogadro (esiste, esiste, vai a vedere chi era) che dir si voglia_

Alex ha detto...

Ciao Ivan! Scusami se ti contatto qui, ma con la mail ho avuto poca fortuna.
Oltre ad essere in spasmodica attesa del nuovo Puck! (che promette di fare faville, visto il cast che stai "assoldando") sono un vecchio fan della mai troppo compianta The Artist. Un fan azzoppato, però, visto che non sono mai riuscito a reperire il n.2 della nuova serie, anche dopo tante ricerche.
Per questo volevo chiederti se per caso conosci qualcuno che fosse disposto a vendere questo numero (che pagherei bene...).

Grazie in anticipo per l'eventuale aiuto, e buon lavoro!

ivan manuppelli ha detto...

x Georgemary

sto allenando il mio avvocato per vincere la causa. in ogni caso, anche mio trisavolo le ha ingoiate quelle parti (precisamente le braccia sinistre) e si è lasciato andare a meravigliosi spasmi apoplettici. Era uno spettacolo, e il giudice mi darà ragione

x Fidel Ruiz

A quando un colpo di stato?

x Alex

Il numero 2 di The Artist è introvabile...ma hai detto che saresti disposto a pagare anche un bel po'...beh...ecco...quanto!?
la mia email è lagoladipuck@email.it

x Luigi Quattordicesimo

A quando un duello di spada con Goffredo?