lunedì 31 dicembre 2007

L’ultima performance di Filippo Auti.

E così l’Angelo della Morte, nostro malgrado, si portò via anche Filippo Auti, maestro di visioni e amico fuori dal comune. Collaboratore storico di The Artist, curava per noi la rubrica “Cronache della Terza Guerra Mondiale”.

Ebbi la fortuna di conoscere Filippo soltanto quattro anni fa, in occasione di uno dei suoi tanti allucinati comizi notturni nelle strade di Brera.
Filippo era pura provocazione. Un grandissimo performer di strada, uno dei pochissimi al mondo in grado di prendere il difficile pubblico borghese della Milano perbene e darlo in pasto al proprio carisma. L’artista più imprevedibile e coerente che io abbia mai conosciuto, nonché una delle mie principali fonti di ispirazione.
Rimasi folgorato da quella straordinaria macchina di visioni apocalittiche che animava il suo cervello: non avevo mai visto qualcosa di simile, e dubito che qualcun altro sarà in grado di eguagliare quello stesso inestimabile vulcano creativo .
L’opera di Auti è crudele, dissacrante, mai una volta che si sia presa sul serio. È l’eterno ghigno del giullare che si prende gioco della peste che ammorba il paese.
Dietro quella maschera, dietro quei colori, e dietro tutte quelle trovate provocatorie c’è una società fatta a pezzi dai poteri forti, dalle dittature, dalla miseria e dall’alienazione. C’è un lucidissimo scenario di guerra che fa venire i brividi, una profonda valle di lacrime, colore e sangue: la nostra vita. E Filippo ci ha insegnato a viverla con gli occhi strafottenti della provocazione, in un limbo allucinante in cui tutto è il contrario di tutto. Con la modica cifra di cinquanta centesimi a quadro, il signor Filippo Auti, pittore autodidatta e artista immolato alla causa, ci ha dato importantissime lezioni di libertà individuale: mai piegarsi al potere, non c’è piacere più sublime di prendere per il culo la morale dominante.
Le armi che usava erano le stesse del nemico: Filippo Auti rubava le immagini massificate, le icone popolari e politiche per farle recitare nel proprio personale teatro della disperazione.
Filippo era straordinariamente libero da ogni forma di potere: libero dalle gallerie, dalla retorica dei partiti (ma senza mai essere qualunquista) e libero dalle medicine. Ogni forma di sudditanza veniva immediatamente distrutta dalla sua coerenza sanguigna: Auti vendeva le sue opere da sé, direttamente al popolo e accompagnate dalla sua indimenticabile voce di protesta. Non erano previsti intermediari tra il suo inestimabile flusso creativo e il pubblico.
Ma purtroppo la nostra società non è strutturata per accogliere un genio di questa portata. Se un prodotto non lo puoi classificare allora devi tagliarlo fuori dal giro. La Coerenza ha un caro prezzo da pagare, e lui lo sapeva bene.

Filippo Auti ha fatto la sua ultima grande performance la notte scorsa. Se ne è andato via in silenzio, nel sonno, come voleva lui. Poi ha preso un taxi e con quello ha raggiunto l’Olimpo degli artisti, assieme ai suoi tanto amati Otto Dix e Gericault.
Adesso tocca all’Aldilà aprire la propria coscienza . Filippo Auti venderà le sue opere alle Porte del Paradiso, se la riderà, e ammonirà le anime entranti: “Dio non esiste!”

Addio, caro Filippo.
p.s. ho raccolto del materiale di Filippo e l'ho messo online. Qui l'indirizzo: http://votafrankenstein.blogspot.com/

6 commenti:

sanatoriadiplomatica ha detto...

CI SPIACE MOLTO
QUESTO ARTISTA MUSICISTA DI STRADA NON LO CONOSCEVAMO
MA COME COMPAGNO PARTECIPIAMO AL SALUTO

LUCA E SALVO

N.B. NON è MOLTO CARINO SOTTO QUESTA NOTIZIA MA VOLEVAMO COMUNICARTI L'USCITA IMMINENTE DEL NOSTRO PRIMO ALBUM CON LA NOSTRA ETICHETTA INDIPENDENTE nontiscordardeltè
A SOLI 8 EURO
"NO" IL NOSTRO PRIMO ALBUM
12 BRANI IN ACUSTICA (CHITARRA, BASSO & BATTERIA)
VOCE MASCHILE: SALVO SPEZIA
VOCE FEMMINILE: ANITA CEPE
TESTI E MUSICHE: LUCA "ROTTAMI" BALBO
UNO:LASCIATO NEL CORTILe
DUE:FORD
TRE:VERMI
QUATTRO:ROTTAME
CINQUE:I RICCHIONI
SEI:LUCE AL NEON
SETTE:LA LAVATRICE AZZURRA
OTTO:BRAMBILLA CI STA SUL CAZZO
NOVE:UN GIORNO CI VENDEREMO

SE CE LO PERMETTI TIMANDIAMO I DATI DA POSTARE PER L'ACQUISTO + COPERTINA

LUCA E SALVO

arnoldo ha detto...

Grazie per il tuo meraviglioso ricordo di Filippo.
Il suo funerale sarà giovedì alle 15, a Corsico. per maggiori informazioni sono rintracciabile al 335-7078663
Arnoldo

ADRIO THE BOSS ha detto...

un saluto anche da adrio

sanatoriadiplomatica ha detto...

CIAO

SE CI PEMETTI UN PICCOLO SPAZIO DI PROMOZIONE
VENERDI A CATANZARO IN PIAZZA DEL POPOLO ORE 20:30
PRIMO CONCERTO DELL'ANNO

E METTEREMO PER LA PRIMA VOLTA IN VENDITA IL NOSTRO ALBUM "NO"

TI ANTICIPIAMO UN TESTO

"I RICCHIONI"

NON ABBIAMO PREGIUDIZI NON AVETE PREGIUDIZI
CONTRO I RICCHIONI
MA NON é VERO NON SIAMO VERI
SIAMO SOLO ATTORI
OGNUNO HA UN PREGIUDIZIO
UN MONDO FITTIZIO

TIPO QUELLO CHE DAVANTI AL SANTUFFIZIO
SI METTE LA MANO SUI COGLIONI
QUELLO CHE INCONTRA UN TIZIO
E TIRA DRITTO IN VIA MARCONI

ANCHE SE ABBIAMO GLI ORECCHIONI
NON é PER QUESTO
CHE CI DOVETE CHIAMAR RICCHIONI
DICONO
E QUELLI APPLAUDONO

MA STANNO FUORI
NE STANNO FUORI
NE STANNO FUORI

Piergilberto Swineheard ha detto...

Caspita! Che capolavoro del lirismo moderno!! Dopo "Bocca di rosa" "La donna cannone" E "Luci San Siro" ecco che ora abbiamo "I ricchioni"! E immaginate il futuro come sarà ricco di sorprese...
Ciao Ivan
viva la sinistra!

Goffredo Swineheard ha detto...

Toh fratellino come stai?..è tanto che non ci si vede, felice che tu abbia scoperto il blog del caro HurricanrIvan...passerò presto a trovarti...Ciao ciao.